Associazione “La Famiglia del Palazzolo”

di Livio Pellizzari

Voluta dall’entusiasmo di un gruppo di volontari accumunati da un comune spirito di solidarietà e già operanti all’interno dell’Istituto delle Suore delle Poverelle – Istituto Palazzolo di Rosà, nel mese di luglio 2017 è nata una nuova associazione a Rosà, l’associazione La Famiglia del Palazzolo. L’associazione svolge attività di volontariato nel settore e nell’ambito sociale verso soggetti terzi svantaggiati valorizzando e promovendo l’integrazione delle persone con disabilità e delle loro famiglie, nel comune di Rosà e zone limitrofe tutte all’interno della provincia di Vicenza. A rappresentarla è stato chiamato il sig. Livio Pelizzari che grazie  alla sua grande esperienza e preparazione nell’ambito del sociale è punto di riferimento sia per i volontari stessi che per tutti gli ospiti e gli operatori dell’Istituto Palazzolo dove l’associazione opera principalmente.

L’associazione è composta attualmente da 40 volontari: chi con esperienza nel settore del sociale tipo ex infermiere o ex operatori sociali, chi con nessuna esperienza ma con la consapevolezza che solamente la collaborazione e il lavoro realizzato a più mani sarà quello migliore.

I volontari donano un po’ del loro tempo libero, decidendo in maniera autonoma in quali giorni e orari prestare la loro attività di volontariato. Per operare all’interno della Famiglia del Palazzolo non è necessario avere nessuna particolare esperienza, non vengono richiesti corsi ma ognuno in base alla propria esperienza di vita DONA QUELLO CHE PUÒ.

È inoltre previsto anche un breve periodo di “prova” dove i neo volontari possono affacciarsi alla realtà dell’associazione, affiancati da un referente interno.

Le attività sono molteplici e variegate, ma alla portata di qualsiasi persona generosa. C’è Giovanni impegnato con l’attività del coro composto dagli ospiti dell’Istituto Palazzolo; ci sono Gioachino, Giuseppe, Giorgio e tanti altri che prestano il loro servizio quotidiano a turnazione accompagnando gli ospiti dell’istituto alla loro dimora o ad una cooperativa della zona; c’è Erika che con la propria famiglia mensilmente accompagna Sabrina ospite dell’istituto in passeggiata; c’è Antonella ex impiegata che insegna ad usare il computer; Tobia, Damiano e altri giovani che organizzano delle feste a tema; c’è Gianna che organizza e collabora ai laboratori creativi; ci sono poi tutti gli altri che per ovvi motivi di spazio non è possibile elencare ma che operarono con tantissima passione, generosità e affetto.

Tanti progetti per il futuro oltre alle varie attività comuni, l’associazione parteciperà alla manifestazione nazionale “Con il naso all’insù” festival internazionale degli aquiloni. È inoltre in via di definizione l’organizzazione del concerto del 06 maggio (Parco delle Rose a Rosà) e per questo un particolare ringraziamento va alla ProLoco che fin da subito ha sempre dato piena disponibilità e collaborazione, come pure la band musicale ospite che permetterà ad un gruppo di disabili di esibirsi con loro sul palco, il tutto finalizzato all’acquisto di ausili.

Se prima della nascita dell‘associazione il singolo volontario organizzava (vedi foto) eventi musicali o culturali finalizzati all’inclusione sociale delle persone disabili, ora il tutto farà capo all’associazione stessa. Questo è e sarà motivo di incontro e stare insieme.

Il cammino intrapreso è stato e sarà ricco di soddisfazioni all’insegna dei valori della solidarietà, della serenità e propositività che accomuna e che contraddistingue tutti i componenti della Famiglia del Palazzolo. A conclusione di questi primi sei mesi di vita, mesi ricchi di attività ed impegno da parte di tutti volontari stessi, l’associazione è in procinto di ricevere l’accreditamento regionale per diventare a tutti gli effetti un’associazione ONLUS.

Con l’augurio di un propedeutico, sereno e lungo futuro, l’associazione nella figura del suo presidente sig. Livio Pellizzari tel. 333 9924527 – mail: lafamigliadelpalazzolo@gmail.com è a disposizione di tutti coloro che si volessero avvicinare a tale realtà.

Per alcune foto cliccare QUI


Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.