Il Quartiere Oratorio. Un modo per pensare agli altri

di David Scaldaferro

 Come trovare il modo per abbinare l’incontro con la gente e la solidarietà? Questa era la domanda che ci ponevamo durante le riunioni di comitato del quartiere Oratorio.

La ricerca della ricetta giusta non era stata per niente facile; avevamo cercato gli ingredienti necessari per questo tipo manifestazione: della gente disponibile e capace, una idea interessante, una data libera tra la selva delle attività che si svolgono nella ridente cittadina di Rosà.

    Il comitato aveva  pensato che un periodo abbastanza libero  poteva essere individuato tra il mese di ottobre e di novembre e l’occasione di incontro tra gli abitanti poteva essere una Maronada. Questa attività era stata resa possibile anche grazie alla disponibilità di un personaggio del nostro quartiere ritenuto tra i massimi esperti nella scelta e nella cottura dei maroni: Silvano Merlo detto Ruga.

Da questa idea e dalla voglia di far del bene si è passati ad organizzare qualcosa di più complesso che abbinasse il momento di incontro con la beneficenza.

vr201301 (4)

Ecco fatta la “Maronada della Solidarietà” che programmiamo ogni primo novembre da quattro anni a questa parte.

Dalla disponibilità delle persone del comitato e soprattutto dalla disponibilità e capacità della famiglia intera di Silvano (moglie, figlia, genero e due nipoti)  si riesce a programmare due o tre giornate a seconda del giorno in cui cade il primo novembre  dove vendiamo maroni cotti e crudi per raccogliere più soldi possibile da dare in beneficenza. Non contenti offriamo a tutti un ottimo vin brulé preparato dall’esperto Claudio.

     In tutti questi anni abbiamo dato il ricavato alla scuola d’infanzia parrocchiale  “Gesù fanciullo” perché ci sembra importante che una struttura storica e significativa  come questa scuola sia sostenuta soprattutto in questi tempi difficili.

     In conclusione vi ricordiamo di passare il primo novembre lungo la statale 47 vicino alla fermata dell’autobus; là ci saremo noi con la nostra Maronada della Solidarietà pronti a fare una chiacchiera, bere un buon vin brulé e vendervi i maroni cotti e crudi con un pensiero verso l’altro.