Passione addio? No… solo rinvio!

REALTÀ PARROCCHIALI di Claudio Pegoraro

 

Da alcuni giorni si sussurrava…ognuno, seppur a denti stretti, dava la propria interpretazione, suggeriva soluzioni suggestive, allestimenti alternativi (a volte anche frutto della grande creatività ma poco realizzabili), e si chiedeva a quando l’inizio dei lavori. Per questo motivo abbiamo voluto dissipare ogni dubbio, emettendo un comunicato ufficiale, che ha fatto seguito alla decisione unanime, presa nel pomeriggio di domenica 3 febbraio 2019.

Il comitato promotore ed organizzatore della SACRA RAPPRESENTAZIONE della PASSIONE di CRISTO di CUSINATI rende noto con grande rammarico che, contrariamente a quanto annunciato, per sopraggiunti imprevisti di carattere tecnico e burocratico, che avrebbero comportato un notevole impegno finanziario, riguardanti le normative da rispettare in occasione di pubbliche manifestazioni ed eventi di pubblico spettacolo ed indipendenti dalla nostra volontà, quest’anno 2019 la manifestazione di cui sopra non avrà luogo. Ci scusiamo per il disguido e il disagio arrecati e per l’aspettativa delusa. Ci adopereremo fin d’ora nel cercare le soluzioni opportune alle problematiche emerse, al fine di riproporre l’evento già dal prossimo anno 2020, in maniera ancora più attraente ed emozionante, non foss’altro per un debito di riconoscenza nei confronti di coloro che hanno dato vita a questa manifestazione e a coloro che nel corso degli anni vi hanno partecipato.

Si tratta di un rimando un po’ clamoroso, in quanto da tempo (giugno 2018) si era messa in moto la macchina organizzativa per questo evento molto sentito a Cusinati, e non solo. Vi assicuriamo che non è stata una decisione presa a cuor leggero, ma molto ponderata e sofferta, valutando le varie alternative che ci venivano proposte; siamo convinti che alla fine abbia prevalso il buon senso.

Ringraziamo tutti per la disponibilità, la collaborazione ed anche per la solidarietà dimostrate; l’invito è a proseguire nel proporre una manifestazione di grande spessore, che, tra suggestione ed incanto, contribuisce all’identità di Cusinati. Nelle nostre intenzioni di organizzatori, con il coinvolgimento di tante persone competenti nei vari ambiti, avremmo voluto proporre un’edizione (XII) superlativa, ma siamo altresì convinti che il lavoro fin qui prodotto, non andrà perduto.

Vi terremo aggiornati sull’evolversi della situazione ed al momento opportuno vi contatteremo e coinvolgeremo nuovamente, per avere il vostro prezioso ed insostituibile apporto e contributo.

Il tentativo di coinvolgere persone di tutta l’unità pastorale si era rivelato vincente ed aveva dato buoni risultati: l’apertura ufficiale dell’evento era coincisa con il concerto del patrono a Rosà (sant’Antonio abate il 12 gennaio 2019) con musiche di F.J. Haydn, A. Vivaldi ed in anteprima assoluta, composto per l’occasione, INNO del maestro Antonio Segafreddo, eseguite dall’orchestra di Padova e del Veneto. Buona la partecipazione al corso di dizione, tenutosi nel mese di gennaio. Circa 200 persone hanno aderito alla proposta di due viaggi culturali per ammirare e gustare come sommi artisti hanno interpretato la Passione di Cristo in luoghi ed epoche diverse (Giotto e Giusto de’ Menabuoi a Padova nel 1300 e Tintoretto a Venezia nel 1500). Iniziative che, oltre che di arricchimento culturale e spirituale, si sono rivelate opportunità piacevoli di incontro, conoscenza e scambio reciproco. Speriamo di consolidare e di implementare queste occasioni strada facendo, soprattutto in vista dell’imminente “rivoluzione” che attende la nostra comunità.

Per questo motivo rinnoviamo a tutti l’invito: seguiteci, non prendete impegni e arrivederci alla Pasqua 2020