Grest Count Down: conto alla rovescia per vincere in generosità

di don Alex Pilati

 

Anche quest’anno dal l’11 giugno al 14 luglio si è svolto il Grest parrocchiale presso l’Oratorio don Bosco con la presenza di più di 100 ragazzi. Il grest è sempre un’occasione per stare insieme, imparare a fare qualcosa, giocare… ma tutto questo arricchito da un tema di fondo sempre ispirato al vangelo attraverso delle ambientazioni simpatiche: quest’anno il contesto era quello di un villaggio preistorico dove due ragazzi si contendono attraverso un lungo percorso-gara il governo del loro villaggio; l’uno si distinguerà durante la gara per l’arroganza e l’imbroglio per vincere, l’altro invece lungo il percorso troverà il tempo di aiutare le persone che incontrava… Count

Down, che significa conto alla rovescia, ci insegna come ci dice San Paolo nella lettera ai Romani che bisogna “gareggiare nello stimarci a vicenda”; la vita è una gara, non per strattonarci fra noi e vincere, ma per cogliere tante occasioni nel fare del bene, metterci a disposizione degli altri… Penso che è quello che poi abbiamo vissuto durante tutto il Grest a partire dai nostri bravi animatori/trici che si sono messi a fianco dei ragazzi, ad alcuni pensionati professionisti che ci hanno aiutato con la loro esperienza nei laboratori di ceramica, traforo, cucito. Ci ha accompagnato ogni giorno la figura di un santo particolare: Filippo Neri che fu sacerdote nel 1500 tra i diseredati della malfamata periferia di Roma di quel tempo… egli ha saputo “gareggiare” nello stimare le persone del suo borgo e per aver saputo togliere i ragazzi dalla strada e inventare per primo l’oratorio, cioè un luogo in cui si sta assieme per condividere il tempo. Egli ha servito il Signore Gesù credendo fermamente nei suoi ragazzi e ha dedicando tutta la sua vita per loro, rinunciando alle glorie personali che gli erano state proposte. Il suo esempio ci aiuti ad usare il tempo che ci è dato non per diffidare o far del male agli altri, ma per fidarci e costruire qualcosa insieme. Arrivederci al grest dell’anno prossimo!